Teatro
&
Scuola

 

ESPERIENZE NELLE SCUOLE

Il gruppo Teatro & Scuola nell'anno 2002 focalizza il proprio singolare cammino con la pubblicazione tra tutte le esperienze teatrali degli Istituti della rete e degli spettacoli teatrali più significativi.

Con l'augurio che possano essere di stimolo ai colleghi interessati a provare l'entusiamante esperienza teatrale.

Elementare Carducci
Elementare Verdello
Elementare Manzoni

Scuola Elementare Carducci di Dalmine

L'anno scolastico 2001/02 ha visto per la prima volta attivati laboratori di Educazione teatrale in tutte le classi 2^ del Circolo per complessivi 200 alunni.
L'esperienza ha dato la possibilità di sperimentare situazioni corporee ed emotive nuove che hanno permesso a tutti i/le bambini/e di utilizzare codici nuovi per comunicare e ad essere per la prima volta attori e non solo fruitori rispetto all'esperienza teatrale.
L'esperienza monitorata attraverso osservazioni e indagini (alunni, insegnanti, genitori) si è rivelata estremamente motivante e ha fatto maturare l'idea di tenere anche negli anni scolastici prossimi la classe seconda classe filtro per l'educazione Teatrale.
Altra esperienza da evidenziare è quella delle classi 4^ del plesso "Carducci"; gli/le alunni/e vivono l'esperienza di laboratorio teatrale dalla prima classe e quest'anno hanno messo in scena "Metropolis".
Il progetto creativo ha preso spunto dal film omonimo di F. Lang.

Mi piace concludere il nostro "notiziario" con una affermazione di Coupeau:
"… si può fare teatro ovunque, purché si trovi il luogo in cui viene a crearsi la condizione fondamentale per il teatro; deve esserci, cioè qualcuno che ha individuato qualcosa da dire e deve esserci qualcuno che ha bisogno di starlo a sentire.
Quello che si cerca è dunque la relazione."

Senatore Anna
back

Scuola Elemetare Verdello

16 ANNI DI TEARO: il laboratorio teatrale nella scuola di Verdello

L'attività teatrale è presente nella Scuola Elementare di Verdello dal 1986, anno in cui è stato avviato un progetto di innovazione metodologico-didattica per un'integrazione fra le aree disciplinari tradizionali (Lingua Italiana / Storia / Geografia / Educazione Musicale) e i linguaggi iconici e mimico-gestuali propri del Teatro.
L'obiettivo dell'esperienza, che coinvolge il primo anno le tre classi quinte del plesso (70 bambini e 5 insegnanti), è quello di promuovere un primo livello di alfabetizzazione e di padronanza dei quadri concettuali relativi all'esperienza espressivo-comunicativa di tipo scenico. Viene prodotto lo spettacolo "Indiani, maledetti indiani" sulla storia dei nativi americani, premiato al concorso "Una storia per il teatro" organizzato dalla Provincia di Bergamo.
L'anno successivo l'intervento si allarga anche alle classi quarte e lo spettacolo "Grogh il castoro" vince il "Premio Nazionale Unicef 1987". La ricaduta sui bambini è enorme. Anche i genitori apprezzano moltissimo la proposta, assumendo un atteggiamento fortemente collaborativo nei confronti degli insegnanti.
Nell'88 all'attività teatrale vera e propria si aggiungono alcune esperienze psicomotorie a livello di primo ciclo. Dall'iniziale impostazione per moduli e classi parallele, si passa lentamente a una più articolata dimensione di plesso: nel 1990 la metà circa degli alunni di Verdello è coinvolta in attività di tipo teatrale... (continua)

Gianfranco Bergamini
back
Scuola elementare A. Manzoni di Ponte S. Pietro


Negli ultimi anni sono stati avviati con continuità laboratori diversi, a cui hanno potuto accedere gli alunni di quattro classi della nostra scuola. Ogni anno è stato progettato, prodotto e reso visibile un unico spettacolo teatrale, suddiviso in più atti. Una "storia ad hoc", originale, comune, "agita" da un centinaio di ragazzi, contemporaneamente.
Così è stato "Pinocchio alcune sue avventure", "Corpo senza l'anima", "Il paese dei maghi" , "Bambini" e ... "Così fu che nacque la parola". Esperienze forti di testi ideati da me e arricchiti e modificati in itinere dali alunni in base ai loro bisogni, interessi e idee.

Questa poesia di J. J. Rossou rappresenta bene lo scopo dei nostri Laboratori Teatrali.

"Piantate un palo adorno di fiori
in mezzo a una piazza,
riuniti intorno il popolo
ed avrete una festa.
Ancor meglio, offrite gi spettatori
come spettacolo, fateli attori essi stessi,
fate che ciascuno si veda e si animi
negli altri
, affinché tutti siano più uniti."

Luciana Pierangioli

back

Home